L’Associazione Amici di Leonardo Sciascia Fondata il 26 giugno 1993 a Milano, nella sede storica del Fondo Stendhaliano Bucci presso la Biblioteca Comunale a Palazzo Sormani, l’Associazione Amici di Leonardo Sciascia si propone di stimolare la lettura e la ricerca in merito al pensiero e all’opera di Leonardo Sciascia. L’associazione è priva di scopi di lucro e si autofinanzia con i contributi dei soci e di terzi. Ai lettori e agli studiosi gli Amici di Leonardo Sciascia si rivolgono per contribuire a tenere viva la memoria dello scrittore attraverso i molteplici aspetti della sua opera.
L'esistenza di questo sodalizio si è via via incrociata coi percorsi di tanti amici che hanno scritto in momenti e luoghi diversi (libri, convegni, etc) parole che qui si riportano per  buona memoria, con la  gratitudine per l'apprezzamento ed il sostegno che conferiscono alle iniziative intraprese dagli Amici di Leonardo Sciascia. Chi lo desidera, potrà aggiungere  a queste anche le proprie testimonianze scrivendo una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Il logo L’incisione all’acquaforte intitolata «Logo per gli Amici di Leonardo Sciascia», di cui Agostino Arrivabene ha fatto dono all’Associazione, è comparsa per la prima volta sulla copertina di Colpi di penna, colpi di spada, sesto volume della collana Quaderni Leonardo Sciascia, pubblicato nel 2001 a ottanta anni dalla nascita dello scrittore, e otto anni dopo la costituzione dell’Associazione Amici di Leonardo Sciascia. Nella penna e nella spada sono rappresentate le passioni di Sciascia per la scrittura e l’impegno. «Paolo Luigi Courier, vignaiuolo della Turenna e membro della Legion d’onore, sapeva dare colpi di penna che erano come colpi di…
Il 23 ottobre 2010 le Poste Italiane hanno onorato la memoria di Leonardo Sciascia con l’emissione di un francobollo commemorativo. Il francobollo, del valore di € 0,60, è illustrato in primo piano da un ritratto dello scrittore e da alcuni libri aperti, mentre sullo sfondo si staglia il profilo della Sicilia. Completano la vignetta la leggenda “LEONARDO SCIASCIA”, le date “1921-1989”, la scritta “ITALIA” e il valore. Stampato in calcografia in quattro milioni di esemplari, il francobollo è opera della bozzettista Rita Morena, che ne ha curato anche l’incisione.   L’emissione è stata accompagnata da un “folder” illustrativo, contenente un esemplare…