VI Leonardo Sciascia Colloquium-Palermo, 20-21 Novembre 2015

 

Scarica il programma del VI Leonardo Sciascia Colloquium

Venerdì 20 e Sabato 21  si è svolto a Palermo il sesto  Leonardo Sciascia Colloquium degli Amici di Sciascia nella magnifica  Sala convegni  della Fondazione Whitaker [Villa Malfitano -Via Dante 167- Palermo]. Come da programma  (qui allegato), il Colloquium di quest’anno è stato interamente dedicato a una delle opere  più affascinanti di Leonardo Sciascia, La scomparsa di Majorana, nella ricorrenza dei quarant’anni dalla prima edizione.  Gli atti del Colloquium saranno raccolti  a cura di Albertina Fontana e pubblicati a novembre 2016 nel sesto volume di Todomodo, la rivista annuale internazionale di studi sciasciani realizzata dagli Amici di Sciascia in collaborazione la casa editrice Leo S.Olschki (Firenze). Tra pochi giorni, invece, sarà possibile vedere e ascoltare sulla pagina web di Radio Radicale gli interventi e il dibattito.

 

L’Associazione Amici di Leonardo Sciascia organizza ogni anno – in occasione dell’anniversario della morte dello scrittore, avvenuta il 20 novembre 1989 – i Leonardo Sciascia Colloquia, con l’obiettivo di approfondire un aspetto della sua personalità di scrittore e di uomo. Al primo Colloquium, svoltosi a Palermo nel 2010 e intitolato L’etica del potere per Leonardo Sciascia, nel 2011 ha fatto seguito, sempre a Palermo, 1961-2011. Mezzo secolo con Il giorno della civetta. Nel 2012, ancora a Palermo, si è discusso della religiosità in Come al cancello della preghiera. Sentimento e coscienza religiosi in Leonardo Sciascia; il Colloquium del 2013 ha avuto luogo a Milano, sul tema 1912+1, 2012+1: Passeggiare nel tempo con Leonardo Sciascia, mentre quello del 2013 – a Napoli, presso l’Istituto italiano per gli studi filosofici – è stato centrato sul tema Leonardo Sciascia e i suoi filosofi.

Il titolo scelto per il VI Leonardo Sciascia Colloquium – E possibilmente anche dopo – è tratto da alcune delle parole che Ettore Majorana lasciò nella  lettera indirizzata al direttore dell’Istituto di Fisica di Napoli, Antonio Carrelli, nella quale egli annunciava di porre fine ai propri giorni; ma è anche quello che Leonardo Sciascia avrebbe voluto attribuire al libro che stava per essere pubblicato da Einaudi, anche se poi la scelta cadde definitivamente su La scomparsa di Majorana.

Ettore Majorana – che Enrico Fermi avrebbe poi definito un genio, alla pari con Galileo e Newton – scomparve durante o dopo una traversata tra Palermo e Napoli, nella notte tra il 26 e il 27 marzo 1938. Alla sua scomparsa – che non è mai stata accertata al di là di ogni dubbio – nel 1975 Sciascia dedicò il suo piccolo libro, che riportò all’attenzione del grande pubblico la vicenda del geniale fisico catanese. E sempre, quando negli ultimi decenni si è tornato a parlare di Majorana, in occasione di rivelazioni secondo cui sarebbe stato visto in Argentina, in Venezuela e anche a Roma, si è tornato a parlare del libro di Sciascia.

Scarica programma del VI Leonardo Sciascia Colloquium

Scarica il profilo dei relatori, facilitatori e patrocinatori del VI Colloquium

Hotel suggeriti nella zona

Devi effettuare il login per inviare commenti