Cari Amici, la consueta assemblea annuale si terrà quest'anno domenica 3 aprile a MACERATA. Organizzare per la prima volta, a 23 anni dalla nostra costituzione, l'assemblea annuale nelle Marche riveste per noi un significato di grande rilievo nel contesto del più generale rafforzamento degli Amici di Sciascia sul territorio nazionale, a contatto con i lettori e gli estimatori dello scrittore.

L'assemblea - aperta anche ai non soci - si terrà dalle ore 10,00 e fino alle ore 16,00 presso:

BIBLIOTECA MOZZI-BORGETTI
Sala Castiglioni, Piazza Vittorio Veneto n. 2, Macerata
 
Solo i soci in regola con i versamenti 2016 hanno diritto al voto in Assemblea. 
Leggi qui la convocazione ufficiale con un ordine del giorno definito. 
In questo allegato invece proposte di visita della città e hotel convenzionati.

Una giornata in università con gli studenti dei licei milanesi, parlando di scienza e di letteratura sulle orme di Ettore Majorana e di Leonardo Sciascia.

Bravi, bravi, bravi! Bravo il Professor Oliviero Cremonesi docente di Fisica dell’Università degli Studi Milano Bicocca, che con disponibilità e generosità ha illustrato agli ottanta studenti dei licei scientifici Leonardo da Vinci, Natta e Volta la complessità dell’indagine sui neutrini effettuata da Ettore Majorana negli Anni Trenta e ancora oggi al centro della ricerca internazionale. Bravi i docenti dei tre licei milanesi, che hanno preparato i ragazzi e li hanno sostenuti nell’affrontare le letture propedeutiche.

Lunedì 11 gennaio 2016, alle ore 10,20, presso l'Aula magna del Liceo Classico Linguistico "R. Settimo" in Via Rosso di San Secondo a Caltanissetta, Il Comitato Provinciale Dante Alighieri di Caltanissetta, gli Amici di Leonardo Sciascia e La Casa Editrice Leo S. Olschki, in presenza del Prefetto Maria Grazia Cucinotta e della curatrice Ricciarda Ricorda presenteranno il volume Sciascia e la Jugoslavia. Il sottotitolo del testo recita: "Racconto ai miei amici di Caltanissetta della Jugoslavia e di voi: con entusiasmo, con affetto". Intrudurrà i lavori il dirigente scolastico Irene Cinzia Collerone. Presenteranno l'opera Antonio Di Grado e Tiziana Migliore moderati dalla Preside Marissa Sedita Migliore.

Scarica l'invito

Il 29 gennaio 2016, dalle ore 11 alle ore 17, nell’Aula U4 – 08 dell’Università Bicocca di Milano, si è tenuta una giornata di laboratorio didattico incentrata su alcuni aspetti emersi dalla lettura del romanzo-inchiesta La scomparsa di Majorana. Ha introdotto i lavori il Professor Oliviero Cremonesi, docente dell’Ateneo ed esperto della Fisica dei neutrini. Hanno partecipato attivamente al workshop gli studenti di tre licei scientifici milanesi, il Leonardo da Vinci, il Giulio Natta e l’ Alessandro Volta. Nel corso dei mesi precedenti, gli studenti, guidati dai loro insegnanti di matematica e fisica, di italiano e di storia e filosofia, hanno letto il romanzo e hanno approfondito alcune tematiche, quali il rapporto tra scienza ed etica, lo stato della ricerca sulle particelle dagli Anni Trenta ad oggi, la problematica della comunicazione scientifica e il confronto tra la figura storica di Majorana e la sua rappresentazione letteraria. Nel corso della giornata di discussione gli studenti si sono distribuiti in tavoli tematici condotti da giovani ricercatori per confrontarsi sulle rispettive riflessioni ed elaborare insieme un testo condiviso su ognuno degli argomenti affrontati.

Il prossimo 16 dicembre 2015 alle ore 10:00 presso l'Accademia di Belle Arti di Roma, in occasione della pubblicazione del volume Leonardo Sciascia/Mario dell'Arco - il "regnicolo" e il "quarto grande" - Carteggio 1949-1974, curato da Franco Onorati e edito da Gangemi, si terrà un convegno dal titolo La poesia e le arti - Intorno all'epistolario Sciascia/Dell'Arco. Il carteggio – la cui pubblicazione è stata resa possibile dalla generosa disponibilità degli eredi – documenta un fecondo sodalizio, il cui focus è rappresentato dalla poesia in dialetto romanesco. La riproduzione delle lettere è integrata da testi che ricostruiscono il contesto culturale dell'epistolario, protrattosi dal 1949 al 1974. Una parte finale è dedicata al vivo interesse dei due intellettuali per l'arte figurativa: un elemento di suggestiva continuità viene dato in particolare dall'opera pittorica di Giuseppe Modica. Il rapporto fra Mario dell'Arco (1905-1996) e Leonardo Sciascia (1921-1989) ha prodotto vari esiti, come l'antologia curata da Sciascia Il fiore della poesia romanesca: Belli, Pascarella, Trilussa, Dell'Arco (1951) e i suoi primi libri Favole della dittatura (1950) e La Sicilia, il suo cuore (1952), promossi editorialmente da Dell'Arco. Si aggiungano i numerosi articoli (recensioni, elzeviri, prose d'arte) dell'uno e dell'altro, accolti nelle riviste da loro dirette. Quell'intenso interscambio veniva alimentato da una fitta corrispondenza epistolare, rivelata per la prima volta nel 2003 nel libro di Franco Onorati La stagione romanesca di Sciascia fra Pasolini e Dell'Arco, ottavo volume della collana Quaderni Leonardo Sciascia, pubblicata dalle Edizioni La Vita Felice di Milano, a cura dell'Associazione degli Amici di Leonardo Sciascia.

Scarica locandina dell'evento

TODOMODO

Anno V – Vol. V 2015

INDICE / INDEX

 

EDITORIALE / EDITORIAL

VEDERE VEDERSI, CINQUE ANNI DOPO

Mario Fusco, «Cela me semble nouveau» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag.    XV

Domenico Scarpa, «Nove zero zero riformatore» ossia del rileggere Sciascia con metodo . . . . . . . . »     XIX

 

IL DONO / THE GIFT

Goffredo Fofi, Perché Sciascia ci manca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  . .  »        3

 

RASSEGNA / REVIEW ESSAYS

Leonardo Sciascia Colloquia, V

«PER SPECULUM IN AENIGMATE» LEONARDO SCIASCIA E I SUOI FILOSOFI

(a cura di Gaspare Polizzi)

Gerardo Marotta, Un convegno dedicato a Leonardo Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        11

Renato Albiero, Apertura dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        13

Gaspare Polizzi, Sciascia e la filosofia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        17

Vincenzo Vitale, Della letteratura come filosofia della giustizia. . . . . .  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        25

Paolo Casini, Tra Voltaire e Diderot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        35

Nicola Panichi, Verità della menzogna, menzogna della verità. Sciascia legge Montaigne . . . . . . . .  »        47

Maria Teresa Giaveri, Un certain sourire. Sciascia, Valéry e una certa idea della Francia . . . . . . .  »        61

Giuseppe Cacciatore, Filosofi e intellettuali spagnoli nell’opera di Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »        71

Aniello Montano, Leonardo Sciascia «filosofo dell’inquietudine» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »        81

Albertina Fontana, Le scuole leggono Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   »        99

Laura Parola, Verità e potere. La riflessione sulla parresìa tra Sciascia e Foucault . . . . . . . . . . . . .  »      103

Luigi Cavallo, «Per speculum in aenigmate». Capziosa didascalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   »      113

 

LETTURE / READINGS

Paolo Squillacioti, Manovre d’attracco per la «Nave Argo» di Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      119

Paola Italia, «Ci par di capire» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      133

 

STUDI E RICERCHE / STUDIES AND RESEARCH

(a cura di Ricciarda Ricorda)

Raffaella Castagnola, Il lungo dialogo elvetico di Leonardo Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      147

Giovanna Lombardo, Gli inganni della memoria (e quelli dell’editoria )

     nel carteggio tra Leonardo Sciascia e René Étiemble . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      155

Davide Messina, Il giallo e il rosa: la civetta politicamente scorretta di Sciascia . . . . . . . . . . . . . . . . »      167

Ian R. Morrison, Sciascia, Flaubert and Stupidity . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   »      183

 

PERSI E RITROVATI / LOST AND FOUND

Sigfrido Bartolini, «Ci eravamo riconosciuti nel segno della sincerità

     e dell’onestà artistica e morale» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      199

Franco Cardini, Leonardo Sciascia, Sigfrido Bartolini e la libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      205

Alessandro La Monica, Il carteggio inedito Sciascia-Étiemble e

     la postfazione originale al Goliath di Borgese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      213

Leonardo Sciascia, L’elettricità per l’uomo (con postilla di Maria Teresa Giaveri) . . . . . . . . . . . . . . »      235

 

TRADUZIONI / TRANSLATIONS

(a cura di Giovanna Lombardo)

Valérie Leyh, L’editore Wagenbach e la ricezione di Leonardo Sciascia in Germania . . . . . . . . . . . . »      245

Gabriele Rigola, «Riderai, se ti dico che io mi sento un poco comeLaurana?».

     Note a margine del carteggio Petri-Sciascia (1966-1968)  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      253

 

ICONOGRAFIA / ICONOGRAPHY

(a cura di Lavinia Spalanca)

Maria Rizzarelli, Dal grande al piccolo schermo: Sciascia, il cinemae la televisione . . . . . . . . . . . . »      269

 

BIBLIOTECA DIGITALE SCIASCIA /

SCIASCIA DIGITAL LIBRARY (BiDiS)

Salvatrice Graci, Repertorio dei corrispondenti di Leonardo Sciascia

     nella Biblioteca della Fondazione Sciascia:      A-C, aggiornamento 2015 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      281

Valérie Leyh, Bibliografia delle opere di Leonardo Sciascia in tedesco (1964-2014) . . . . . . . . . . . . .  »      317

 

RECENSIONI / BOOK REVIEWS

(a cura di Luciano Curreri)

Federico Campbell, La memoria di Sciascia (Euclide Lo Giudice) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .   »      329

Giuseppe Traina, Siciliani ultimi? Tre studi su Sciascia, Bufalino, Consolo.

     E oltre (Marcello D’Alessandra) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      332

Maria Rizzarelli, Sorpreso a pensare per immagini. Sciascia e le arti visive (Giuseppe Traina) . . . .  »      336

Leonardo Sciascia, Opere II, Tomo I, a cura di Paolo Squillacioti (Salvatore C. Sgroi) . . . . . . . . . . .  »      339

 

PUBBLICAZIONI RICEVUTE E POSTILLATE /

PUBLICATIONS RECEIVED WITH SHORT COMMENTS

(a cura di Elena Past)

Giuliana Benvenuti, Retorica dello strazio (Manzoni e Sciascia)(Fabio Moliterni) . . . . . . . . . . . . . .  »      345

Alessandro Di Prima, Leonardo Sciascia e la scrittura giornalistica (Leonarda Trapassi) . . . . . . . . . »      346

Lavinia Spalanca, Pictor in fabula. La funzione dell’oggetto d’arte

     nella narrativa sciasciana (Leonarda Trapassi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      347

Gabrio Forti, Claudia Mazzucato, Arianna Visconti (a cura di),

     Giustizia e letteratura (Vincenzo Vitale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      350

Segnalazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »      352

 

GRAN FINALE

Giorgio Forattini  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  »      355

Puntuale come ogni anno, anche questo 20 novembre è uscita TODOMODO, la rivista pubblicata dagli Amici di Sciascia per i tipi della casa editrice fiorentina Olschki, diretta dai nostri Francesco Izzo e Carlo Fiaschi.

Il volume, che giunge al giro di boa dei cinque anni, sarà presentato ufficialmente a Firenze il pomeriggio del 25 gennaio 2016 da Ricciarda Ricorda e Marina Giaveri alla Sala Richelieu di Villa Finaly (Université de Paris-Sorbonne): www.sorbonne.fr/it/chancellerie-universites-paris/la-villa-finaly/.      

Il fascicolo di complessive 350 pagine si apre con l’Editoriale affidato a due studiosi diversi per formazione e lingua (il compianto Mario Fusco, e Domenico Scarpa) che fanno il punto su dove siamo arrivati nella ricerca sulla figura e l’opera di Sciascia.

Due giorni intensi e interessanti quelli del VI Leonardo Sciascia Colloquium tenutosi a Palermo il 20 e il 21 novembre appena passati. Si sono incrociati sul palco predisposto a Villa Malfitano, grazie al supporto della Fondazione Whitaker, letterati e scienziati, cultura umanistica e cultura scientifica, per approfondire a quarant'anni dalla pubblicazione de La Scomparsa di Majorana non solo la figura di uno dei più noti e geniali fisici italiani della prima metà del secolo scorso, ma anche il suo rapporto con la produzione della bomba atomica, e per analogia il rapporto tra cultura scientifica e società. Di alto profilo le analisi letterarie che hanno da un lato puntualizzato il rapporto tra autore e personaggio mentre dall'altro hanno fatto emergere la struttura narrativa del racconto sciasciano fondata sul "non agire".

L'occasione tuttavia è qui un'altra: mettere a disposizione di chi non ha potuto intervenire al Colloquium il materiale audio e video del convegno, gentilmente offerto da Radio Radicale.

Potrete visionare le due giornate dell'evento cliccando sui seguenti link:

Prima giornata - Venerdì 20 novembre 2015

Seconda giornata - Sabato 21 novembre 2015

Auguriamo ai nostri lettori buona visione.

Nel 1965 la Leonardo da Vinci Editrice di Bari pubblicava un volume di 222 pagine dal titolo Feste religiose in Sicilia. Gli autori erano Leonardo Sciascia, scrittore già molto noto grazie ai libri che aveva pubblicato fino ad allora tra i quali Le parrocchie di Regalpetra, Gli zii di Sicilia, Il giorno della civetta, Il Consiglio d’Egitto, Morte dell’Inquisitore – e Fernando Scianna, un ventiduenne, sconosciuto fotografo di Bagheria. In effetti, il saggio dello scrittore di Racalmuto accompagnava le fotografie di Scianna.
Sono trascorsi cinquant’anni – o è forse il caso di dire mezzo secolo? – e il giovanissimo fotografo di allora è diventato il famosissimo Ferdinando Scianna. Il quale – giovedì 5 novembre alle ore 18.30, allo Spazio Meravigli di Via Meravigli 5, a Milano – ha raccontato la storia del libro. Nell’occasione, è stato proiettato il documentario di Michele Gandin Processione in Sicilia, realizzato nel 1964.

Dopo l’appassionante presentazione di Elvio Guagnini, Bruno Pischedda e Paolo Squillacioti, tenutasi a Venezia a marzo scorso nella magnifica sala dell’Ateneo Veneto, a ridosso della nostra assemblea annuale dei soci, il secondo volume della collana “Sciascia scrittore europeo”,per i tipi di Leo s. Olschki editore(Firenze), Leonardo Sciascia e la Jugoslavia, giunge in terra slovena. All’Istituto Italiano di Cultura, diretto da Angelo Izzo, martedì 3 novembre alle ore  18 la curatrice, Ricciarda Ricorda, Dipartimento di Studi Umanistici, Università Ca’ Foscari,Venezia, nonché Consigliere degli Amici di Sciascia, passerà in rassegna le acquisizioni e i risultati più significativi emersi dal progetto di ricerca lanciato tre anni or sono dalla nostra Associazione per illuminare i rapporti intessuti dallo scrittore siciliano con il mondo culturale della Jugoslavia.