Giovanna Lombardo: Il Critico Collaterale

Leonardo Sciascia, che amava i buoni libri fatti bene, per oltre quarant'anni ha intrattenuto un dialogo quasi quotidiano con i propri editori. Questo capitolo della biografia di Sciascia, tra i meno noti, è ricostruito in questo libro attraverso l'esame di carteggi ricchi di notizie, opinioni, suggerimenti e spunti che permettono di conoscere meglio lo scrittore, le sue predilezioni, le sue motivazioni e posizioni nel contesto culturale.

 
I documenti (contratti di edizione, materiali redazionali e, soprattutto, l’esteso corpus di lettere “di lavoro”) che consentono di ricostruire questa storia sono stati reperiti presso gli archivi degli editori di Sciascia (Einaudi, Laterza, Sellerio, Bompiani) e presso l’Archivio Erich Linder della Fondazione Mondadori, che custodisce il carteggio fra lo scrittore e l’agente letterario. Tali documenti gettano nuova luce sul profilo intellettuale di Sciascia: essi mostrano come Sciascia intervenisse nelle scelte editoriali con piena consapevolezza critica e costituiscono, perciò, le testimonianze preziose e insostituibili della sua attitudine, criticamente fondata, al lavoro editoriale.
Nel suo Verifica dei poteri, Franco Fortini scriveva che «una parte essenziale dell’attività critica è invisibile. Le scelte fondamentali si compiono nelle direzioni editoriali, dove confluiscono quei giudizi dal cui equilibrio o squilibrio scaturisce l'atto di politica culturale e commerciale che è la pubblicazione di una o più opere letterarie». Una critica invisibile, e collaterale a quella di critici letterari, è stata, appunto, quella esercitata da Sciascia mediante i suoi intenti, i suoi progetti, le sue scelte e le sue proposte editoriali con il loro valore di cultura e di politica culturale, di memoria letteraria e di civiltà.
 
«Mi piace sempre più scrivere cose come questa; e
sempre più mi piace pubblicare piccoli libri come
questo.»
 
 
IL LIBRO
 

 critico_collaterale.jpg   

 
 Giovanna Lombardo

 IL CRITICO COLLATERALE
Leonardo Sciascia e i suoi editori  

Porte aperte, 13
236 pp. - € 13,50
f.to 12 x 17 cm

maggio 2008

 

Indice

Dai confini fluttuanti del testo

Con Laterza: la funzione culturale dell’edirore
Con Einaudi: i libri, le consulenze, i progetti
        Il Gettone: Gli zii di Sicilia
        Gli altri libri
        Il “nodo” del 1969
        L’allontanamento   

Con Sellerio: la ricerca, l’esperienza editoriale
        Sugli scrittori di Sicilia
        Gli esordi di Sellerio
        Fare i libri in Sicilia  

Gli ultimi anni, tra Bompiani e Adelphi
        «Con un occhio ilare e uno lacrimoso»      
        Da Adelphi: gli ultimi libri, le ristampe
        Gli amici della Noce

Bibliografia

Tavole

 L'AUTRICE

Giovanna Lombardo, dopo aver completato il Dottorato di ricerca in Filologia Moderna, lavora presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Catania dove è professore a contratto di “Editoria e produzione culturale”, collabora con le cattedre di Letteratura Italiana e Sociologia della letteratura, coordina i laboratori di Italiano scritto, insegna Italiano come seconda lingua. È Adjunct Associate Professor di Letteratura presso l’MCAS Study Abroad Institute. Ha pubblicato diversi saggi su Italo Calvino e su Leonardo Sciascia.

L'INCISIONE

 

le_parole_degli_occhi_incisione_229.jpg
Titolo: Le parole degli occhi

Autore: Sandro Bracchitta

COLOPHON

Sessanta copie di questo volume
contengono una incisione originale alla
 acquaforte, puntasecca,
 acquatinta e carborundum su zinco
di Sandro Bracchitta
 intitolata
Le parole degli Occhi


Le incisioni sono state tirate al torchio a stella
su carta Magnani di Pescia di 310 grammi
nella stamperia dell’artista


Ogni incisione è numerata e firmata,
da 1 a 50 in numeri arabi ,
da I a V in numeri romani.
Gli esemplari  da VI a X sono stati riservati all’artista.

                    Per ordinare o avere informazioni sugli esemplari con incisione, rivolgersi a:

                                                                  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

                                             

Altro in questa categoria: « Gian Franco Grechi: Stendhal e Manzoni
Devi effettuare il login per inviare commenti