La sesta edizione del Premio Sciascia Amateur d'Estampes

Il Premio Sciascia taglia nel 2008  il traguardo della sesta edizione , un’edizione speciale nella quale  il ciclo espositivo comincia più tardi rispetto alla cadenza delle edizioni precedenti, dispiegandosi in un arco di dodici mesi per concludersi in coincidenza col ventennale della morte di Leonardo Sciascia, il 20 novembre 2009. Trenta le opere in concorso, provenienti da nove paesi. Ad esse vengono associate due sezioni,fuori concorso: otto incisioni dei maestri, giurati del Premio, che intendono così tributare un omaggio alla memoria dello scrittore e una selezione di opere rappresentative dell’opera di  Leonardo Castellani, pittore-incisore tra i più amati da Sciascia, con il quale si stabilì un significativo sodalizio tra arte e letteratura.  Il catalogo del Premio, in tiratura limitata, edito da Il Girasole di Valverde (Catania) per le cure di Angelo Scandurra , contiene un’introduzione di Paolo Nifosì ed un testo di Tiziana Mattioli.

 Il programma espositivo si articola in sei tappe: l’ex-Monastero dei Benedettini,Ventre delle cucine,della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Catania,  la Sala Orsini del Centro per l’Incisione e la Grafica d’Arte del  Museo Agro Veientano di Formello (Roma), il Museo della Carta e della Filigrana e la Pinacoteca Civica  Bruno Molajoli di Fabriano (Ancona) , la Fondazione « Il Bisonte» per lo studio dell’arte grafica, di Firenze, la Scuola Internazionale di Grafica ,di Venezia, e il Castello Sforzesco di Milano.

Alle mostre vengono altresì abbinate  iniziative diverse,cogliendo lo spunto di ricordare lo scrittore a vent’anni dalla scomparsa, in sintonia con le considerazioni svolte nel  manifesto dell’ anno sciasciano promosso dagli Amici di Sciascia per la circostanza:  sottolineare l’attualità e l’originalità di Sciascia  fuori dagli ambiti più  tradizionali, associati al cliché del « mafiologo » e polemista, facendo emergere piuttosto la varietà degli interessi dello scrittore, tra i quali l’amore per le stampe di cui egli si dichiarava “appassionato incompetente”, ricorrendo ad  un’ espressione di Massimo Bontempelli. Attraverso la sesta edizione del Premio e a partire dal cruciverba dei segni incrociati (letteratura ed incisione) , gli Amici di Sciascia  intendono levare  un omaggio commosso alla memoria dello scrittore e al futuro della memoria sulla quale egli andava viepiù dubitando.
Per maggiori informazioni :    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Firenze, li 30 ottobre 2008
Devi effettuare il login per inviare commenti