Visualizza il catalogo di tutte le pubblicazioni dell'associazione cliccando qui
    In questa sezione sono presentate le pubblicazioni che l’Associazione Amici di Leonardo Sciascia ha promosso, curato e realizzato dalla sua costituzione nel 1993. A FUTURA MEMORIA                                   Giornale dell’Associazione TODOMODO                                                     Rivista internazionale di studi sciasciani SCIASCIA SCRITTORE EUROPEO           Collana di libri CATALOGHI PREMIO SCIASCIA              Collana di libri PORTE APERTE                                              Collana di libri QUADERNI LEONARDO SCIASCIA         Collana di libri      
Ai primi di maggio, per i tipi di  Leo S. Olschki (Firenze), è in uscita il corposo volume La patria dei nomi a cura di Luca Rivali. Accompagnato dai saggi inediti di Daniele Olschki, Ricciarda Ricorda, Joseph Farrell, Alberto Petrucciani, e dalla ripubblicazione dell’editoriale  scritto nel 2011 dal fondatore della rivista, il libro raccoglie gli indici delle dieci annate di «Todomodo»  e costituisce uno strumento prezioso per ‘navigare’ nelle quattromila pagine pubblicate dal 2011 a oggi. 
Dopo Troppo poco pazzi (dedicata ai rapporti col mondo svizzero), Sciascia e la Jugoslavia, Nel paese di Cunegonda (sulle frequentazioni della cultura tedesca), la collana «Sciascia Scrittore Europeo» edita dagli Amici di Sciascia in collaborazione con la casa editrice Olschki giunge al quarto volume.  Con una copertina arricchita da un’incisione originale appositamente realizzata dall’artista svizzero André Beuchat (e riservata nella edizione numerata ai soli soci “Pacchetto completo” del sodalizio) é  in uscita Un arabo che ha letto Montesquieu, a cura di Giovanni Capecchi e Francesca Maria Corrao.
Parte integrante delle pubblicazioni del Comitato Nazionale del Centenario Sciasciano presieduto dalla Senatrice Emma Bonino è la plaquette Cento anni di Sciascia in sei parole, a cura di Francesco Izzo, appena uscita per i tipi di Leo S. Olschki (Firenze), che raccoglie una quarantina tra testi, vignette e disegni, per ricordare lo scrittore a cent’anni dalla nascita. Le sei parole- terra, pane, donne, mistero, giustizia, diritto- che sulla copertina del volume si levano dalle volute di fumo della sigaretta dello scrittore- sono state indicate da Leonardo Sciascia a James Dauphiné nell’estate del 1987 come quelle più importanti della sua vita, dove pagina e azione…